Jazz is Dead 2021 | Light Version 10.11.12 settembre 2021 - TORINO

Comitato Arci Torino 10-05-2021

Si riaccendono le luci sul palcoscenico del festival nato nel 2017 e dedicato all’avanguardia e alla sperimentazione del jazz. L’edizione 2021 di Jazz is Dead Light Version si terrà a Torino da venerdì 10 a domenica 12 settembre. Light come la luce che si intravede in fondo al tunnel, Light come i riflettori che tornano a puntare sui musicisti, Light come leggero poiché questa edizione, che si adegua ai tempi incerti, non potrà ancora essere, come da tradizione, massivamente partecipata e vissuta. Per quanto il festival abbia da sempre connotati (o)scuri, non possiamo che essere felici di intravedere questa luce.

Riflette Alessandro Gambo, direttore artistico di Jazz is Dead «Ci siamo più volte interrogati se fosse opportuno cambiare il nome del festival e la sua espressione, abbandonando lo stile che ha contraddistinto questi tre anni di vita di Jazz is Dead, per dimenticare il periodo buio che ci stiamo lasciando alle spalle e per rispetto di coloro, musicisti compresi, che non ci sono più. Ma le filosofie orientali, così come la ciclicità della natura, ci insegnano che quando abbandoniamo qualcosa, facciamo posto per altro e che la fine è solo l'inizio di una nuova vita. Jazz is Dead, per quanto il nome possa essere oscuro, non piange il declino e la morte del Jazz, Jazz is Dead celebra la sua rinascita in una nuova forma.»

Jazz is Dead ha dovuto, come tanti, saltare un anno, ma il comitato torinese di ARCI non si è fermato. Di recente infatti è stato riconfermato il direttivo, alla guida il Presidente Andrea Polacchi che sottolinea «Poche settimane fa ARCI Torino ha celebrato il suo Congresso. Lo ha fatto nel pieno di un anno drammatico, che ha colpito duramente le associazioni, i Circoli e il comparto della cultura e dello spettacolo. Tra i passaggi più importanti di questo appuntamento, l’adozione di un nuovo Statuto, cornice ideale per l’adesione di decine di migliaia di persone. Il Congresso di ARCI Torino ha scelto di introdurre questa finalità, tra le 5 più importanti: il sostegno e la promozione di produzioni artistiche sperimentali, contro culturali e d’avanguardia, con una particolare attenzione alla loro dimensione popolare e di accessibilità; la difesa della loro autonomia dalla logiche del mercato. Nel 2017 ARCI ha scelto Jazz is Dead e il Festival ha cambiato i connotati della nostra Associazione, attraversandola, aprendo a nuovi pubblici, nuove relazioni, nuove sperimentazioni. A distanza di 4 anni anni dalla prima edizione, mentre le attività e gli spazi culturali provano a ripartire, leccandosi le ferite di un anno drammatico, mentre prosegue ancora l’attiva distribuzione di generi alimentari rivolta alle persone più fragili, da parte di centinaia di volontarie e volontari di ARCI, siamo orgogliosi di annunciare la quarta edizione di Jazz is Dead. Una festa, una luce dopo questo lungo buio. Una ripartenza che costruiremo a partire dai valori del Festival, come abbiamo scritto nel nostro Statuto.»

Così come il direttivo, anche Jazz is Dead torna con l’edizione 2021 per promuovere quella continua evoluzione e quel perenne rinnovamento che caratterizza la sua visione musicale.

Jazz is Dead Light Version, si accendono le luci.
A presto con programma completo e location — www.jazzisdeadfestival.it