Think Sharing

Think Sharing

CRICCA BOCCIOFILA 28-11-2022 - 19:30

Il dialogo filosofico di comunità approda anche a La Cricca
Ci ritroveremo in cerchio e, partendo dalla lettura condivisa di un testo, proveremo a porci delle domande,
le analizzeremo insieme e discuteremo del tema che ne scaturirà,
secondo le metodologia della Philosophy For Community.
Non sono necessarie competenze specifiche di alcun tipo per partecipare, solo essere disposti a condividere il proprio pensiero e a metterlo in discussione attraverso un confronto ragionato e democratico con gli altri.
Faciliterà il dialogo Daniela Zoccheddu,
Teacher Expert in Philosophy For Community- P4C-
(presidente del CRIF Sardegna)
Vi ricordiamo che il tutto si svolgerà seguendo le norme igienico-sanitarie in vigore e che la partecipazione sarà gestita solo tramite prenotazione via mail fino a esaurimento posti.
Per informazioni e prenotazioni: daniela.zoccheddu@gmail.com
Sono necessari il Green Pass e la tessera ARCI

La Philosophy For Community (P4C) è una pratica filosofica di comunità che, attraverso la discussione di tipo filosofico promuove un confronto dialogico e paritario tra i partecipanti, stimola lo sviluppo del pensiero critico, creativo e affettivo-valoriale e favorisce l'educazione al rispetto delle regole, ponendo le basi per una concreta vita democratica mirante alla partecipazione comune e al rispetto del singolo e della comunità.
Non sono necessarie conoscenze di partenza per la partecipazione, solo la predisposizione al confronto e alla condivisione del proprio pensiero riflessivo e delle proprie opinioni.
Dalla lettura condivisa di un testo, attraverso l’analisi delle domande proposte dai partecipanti al gruppo di lavoro, si avvia una discussione ragionata intorno ad un tema significativo.
Il lavoro in gruppo, nel quale il singolo si impegna con le proprie peculiari competenze e capacità per la definizione di comuni obiettivi, promuove l'abitudine all'inclusione e al rispetto dell'altro, contribuendo a favorire l'integrazione sia in termini culturali che sociali.
Il gruppo, posto circolarmente in posizione equidistante in modo da vedersi reciprocamente, grazie alle regole condivise ed all’impegno del facilitatore, è messo in condizione di esperire una comunicazione significativa e libera, (purché argomentata e rispettosa delle opinioni altrui), in un piano di assoluta pariteticità e di interazione democratica.
La sessione si conclude con un momento di autovalutazione condiviso del lavoro svolto, in cui si riflette sul senso della ricerca e sul collegamento con le emozioni messe in gioco.
La pratica della Philosophy for Community ha ottenuto ottimi risultati rispetto agli obiettivi prefissati in qualunque contesto socio-aggregativo e con qualunque fascia d’età.

DANIELA ZOCCHEDDU
Da sempre impegnata sia nel settore culturale, come Responsabile Organizzativa di numerosi eventi (Festival, rassegne letterarie, etc), che in ambito sociale, anche all'interno di associazioni che si occupano di persone con disabilità motorie e intellettive, dove ha svolto il suo ruolo in qualità di coordinatrice dei gruppi giovani e nell’ ideazione e predisposizione di progetti educativi e di promozione individuale.
Nel 2011 diventa Teacher Expert di Philosophy For Children/Community, titolo conseguito presso la sezione sarda del CRIF (Centro di Ricerca sull'Indagine Filosofica), perfezionato in successivi corsi nazionali.
Da quel momento si è occupata della progettazione e della realizzazione di numerosi percorsi laboratoriali, svolti nelle scuole di vario ordine e grado, oltre che in altri contesti socio-aggregativi per ragazzi (biblioteche, festival, librerie, etc.)
Negli ultimi anni si è dedicata in particolare alla sperimentazione del curriculum della P4C in contesti non consueti, con gruppi informali ed eterogenei di giovani e adulti, all’interno di manifestazioni culturali e di piazza ed in numerosi luoghi pubblici, sperimentazione nella quale si è potuta riscontrare la valenza innovativa e sociale di questa metodologia.
Le competenze acquisite attraverso la pratica della P4C sono state impiegate nella facilitazione e conduzione di dibattiti in vari contesti (teatri, eventi culturali, etc), nei quali ha aiutato i partecipanti nella discussione condivisa e ragionata.
Dal 2015 è presidente del CRIF Sardegna e da luglio 2016 membro del Consiglio Direttivo nazionale.