7 Aprile 2020: Salute per tutte e tutti, ora!

7 Aprile 2020: Salute per tutte e tutti, ora!

TIASCOLTO APS 02-04-2020 - 14:30

L'articolo 32 della costituzione recita "la salute è un interesse della collettività". Rallentare la produzione per permettere a tutti e tutte di ricevere delle cure di qualità e un trattamento umano significa ribadire il primato di un diritto universale rispetto agli interessi economici. Tuttavia, perché questa non rimanga pura retorica, ad una responsabilizzazione dei singoli cittadini deve corrispondere un intervento e un sostegno pubblico efficace, organico, adeguato ed orientato alla salute della comunità prima di tutto.
In questi giorni, a seguito dei decreti ministeriali in risposta all’emergenza causata dall’epidemia di Covid-19, la responsabilità nei confronti dei più fragili è stata riversata sui singoli e sui loro comportamenti individuali mentre la politica si è mossa in maniera confusa, poco informata e talvolta irresponsabile. Istituzioni locali e nazionali hanno privilegiato, prima e durante l’emergenza, gli interessi economici e industriali rispetto alla salute dei cittadini, tradendo così il patto sociale che lega Stato e cittadini. Un patto che si fonda sulla tutela della salute globale della comunità, che comprende i suoi aspetti biologici, affettivi, economici, sociali e relazionali. A questa reazione disorganizzata delle istituzioni si aggiunge un sistema sanitario sofferente e depotenziato a cui mancano le risorse e necessarie a fronteggiare l’emergenza adeguatamente.

Il 7 aprile sarà #salutepertuttietutte #health4all

Riuscire a stare nella complessità di questa fase emergenziale vuol dire riconoscere e prendere sul serio la necessità delle misure di prevenzione, senza però fare arretrare sulle rivendicazioni per i di-ritti di tutte e tutti . Rivolgiamoci a chi ha tagliato i fondi alla sanità pubblica e verso chi ha deciso che, anche in questa emergenza, i profitti vengono prima della salute delle persone.

In questo momento in cui a tutte e tutti vengono chiesti sacrifici, dallo stare a casa all’esporsi al contagio per “mandare avanti il paese”, come collettivo 7aprile crediamo che:

-la sanità pubblica debba essere adeguatamente rifinanziata per poter prendere in carico la salute dei cittadini intesa globalmente per comprendere le sue dimensioni biologiche, sociali, politiche, affet-tive e relazionali.
– la sanità privata debba restituire una parte di quelle ricchezze sottratte alla fiscalità generale e che venga chiamata a contribuire in maniera sostanziale e senza ulteriori profitti alla risoluzione della crisi sanitaria.
-debba essere erogato un reddito universale, basato sui principi dell’uguaglianza, della progressività e della gratuità. Un reddito cioè il più possibile inclusivo che eviti nuove disuguaglianze e un incre-mento del debito pubblico.
-debbano essere abrogati il Decreto Lupi e i Decreti sicurezza che contribuiscono ad esporre mag-giormente le fasce più fragili all’emergenza sanitaria ed economica.

Il 7 Aprile 2020, azioni decentrate saranno organizzate in tutta Europa, per il quinto anno consecutivo.

A livello europeo la campagna Our health is not for sale (La nostra salute non è in vendita) è promossa da People's Health Movement, network globale presente in circa 70 Paesi che riunisce attiviste e attivisti per l’accesso universale alla salute, organizzazioni della società civile e istituzioni accademiche, e dalla Rete europea contro la privatizzazione e la commercializzazione della salute e della protezione sociale, realtà entrambe impegnate da anni nella difesa del diritto alla salute per tutti i popoli del mondo, oggi ancora più importante alla luce dell’emergenza scaturita dalla pandemia di Covid-19.

In Italia, l’iniziativa è promossa dalla “ Campagna Dico32 - Salute per tutte e tutti ” e del Movimento dei Popoli per la Salute (People’s Health Movement Italia) a cui, come collettivo7aprile, aderiamo.

Chiediamo a tutti i cittadini di manifestare “diffondendo la solidarietà, non il virus.”
Come? Attraverso un’azione “lenzuolo bianco”:

1. Appendi un lenzuolo o piccolo striscione bianco col tuo messaggio in un posto visibile (ad esem-pio in balcone) o fai un poster in casa se non ti è possibile
2. Scatta una foto col tuo messaggio
3. Condividila
-sui social media con l’hashtag #health4all e o #salutepertuttietutte
– sulla mappa interattiva che potete raggiungere qui: bit.ly/Agir4Health
-inviala ai responsabili politici

Qui potete trovare i documenti prodotti dalla campagna europea:
http://www.sportellotiascolto.it/7aprile2020salutepertuttietutte/

http://europe-health-network.net/IMG/pdf/italiano_version_courte_16.03.2020-2.pdf

http://europe-health-network.net/IMG/pdf/versione_italiana_comunicato_sui_farmaci.pdf

http://europe-health-network.net/IMG/pdf/it_pressa_30.03.2020_investire_en_salute.pdf